Tracce

“La cultura si fa strada”: la lingua italiana rivive attraverso la street art

“La cultura si fa strada”. Bastano queste cinque parole per diffondere un mantra che suona quasi come ammonimento, ma che ha già conquistato – letteralmente – gli amanti della lingua italiana e gli italiani un po’ meno accorti.

Contro l’uso scorretto dell’italiano, la Zanichelli ha promosso un’iniziativa davvero originale, trasformando lessico e regole grammaticali in capolavori di street art.

“Può forse l’italiano permettersi di perdere parole affascinanti come ghiribizzo o beffardo? Come faremmo a cucinare certe pietanze senza usare il pane raffermo? Esiste una parola più onomatopeica di ondivago? Che cosa ruberanno i banditi d’ogni crime-story che si rispetti se sarà scomparso il malloppo? Quale aggettivo descriverebbe Zio Paperone meglio di taccagno?”.

Zanichelli

La cultura si fa strada, un'iniziativa che promuove la lingua italiana




La cultura si fa strada: da Milano a Napoli

Marciapiedi e strade diventano fogli di carta su cui scrivere per diffondere la cultura, per ricordarci che essere italiani significa non dimenticare la nostra storia, la nostra lingua.

Ci sono le “parole da salvare”, parole cariche di espressività che arricchiscono il nostro lessico, ma che hanno lasciato il posto a termini d’uso comune, meno affascinanti e abusati. Ci sono anche le figure retoriche, di cui spesso ci dimentichiamo, come anacoluto, metonimia, onomatopea.

“La cultura si fa strada”, letteralmente. Saranno ben 50 graffiti per città, dedicati alla lingua italiana. L’iniziativa è partita da Milano e ha già toccato città come Torino, Padova, Roma e Napoli.

Classe 1989. A volte scambio un pennello per una penna e inizio a dipingere parole. Blogger e Redattrice web.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: