Le idee alla base sono importantissime: sono le fondamenta di qualsiasi progetto. Ma per creare un sito web, uno che sia anche professionale, è altrettanto importante ritagliare un piccolo spazio nel grande universo della rete e seguire i consigli giusti.

Come abbiamo accennato nel primo step, scegliere uno spazio gratuito non è quasi mai una scelta azzeccata, soprattutto se l’obiettivo è quello di creare un sito web per la propria attività o per offrire servizi professionali. (Se non ricordi i punti deboli di un sito gratuito da’ un’occhiata veloce all’articolo!)

So che non vedi l’ora, ma prima di vedere insieme come scegliere e acquistare dominio e hosting, voglio riassumerti in questo elenco tutto ciò che devi sapere prima di cominciare. 

  • Dominio e hosting possono essere acquistati separatamente e da provider diversi. Il consiglio, però, è quello di acquistarli insieme e dallo stesso provider, per evitare trasferimenti e eventuali fastidi. Inoltre potrai usufruire di un dominio gratuito per un anno;
  • Sia l’acquisto del dominio che dell’hosting vanno rinnovati annualmente. Le tariffe variano in base al provider (che è l’azienda che offre il servizio) e al tipo di hosting che si sceglie di acquistare;
  • Il nome dominio che sceglierai – e dopo tanta fatica aggiungerei – potrebbe, ahimè, già essere stato acquistato. Fa’ alcune prove per controllare se è ancora disponibile!

 

Scegliere il nome dominio: la parte più difficile

Scegliere il nome dominio del proprio sito web (www – ilmiosito – it) è probabilmente la parte più difficile dell’intero processo di creazione del sito. Sì, ma è anche quella più creativa. E dovrai mettercela davvero davvero tutta per essere creativo, per distinguerti dalla massa e proporre qualcosa di originale e accattivante.

Ispirarsi a nomi già esistenti va bene, ma dopo un po’ di sana ispirazione bisogna trovare la propria strada e riuscire a sorprendere gli utenti con un naming potente. E con tutti questi siti in giro, oggi, è ancora più difficile distinguersi a farsi notare.

Allora cosa fare? Usare le parole chiave dei contenuti proposti sul sito? Usare un nome inventato, ma creativo e spiritoso? Utilizzare il proprio cognome?

Le opzioni sono davvero tante e, a parte qualche piccola regola di base e qualche consiglio spassionato, non esistono domini giusti e domini sbagliati. Esistono, piuttosto domini efficaci e domini che non funzionano affatto.

Al riguardo abbiamo scritto un articolo che potrebbe fare proprio al caso tuo e aiutarti a scegliere il nome dominio giusto per il tuo sito web. Ricorda, non sceglierlo a caso. Il nome è importante perché identificherà sia te che i tuoi servizi e la tua attività. Non avere fretta, non potrai modificarlo una volta che l’avrai scelto e confermato.




Estensioni: .it, .com o altro?

Scegliere il nome dominio è complicato, ma il nome non è tutto: dovrai scegliere anche l’estensione del tuo dominio. Dal .it al .me, da quelli internazionali a quelli italiani, ne esistono davvero di tutti i tipi e la scelta non può e non deve essere casuale.

Contro il taglio netto dei nomi dominio disponibili, in rete, c’è un’arma infallibile a livello di personalizzazione. Infatti, da qualche tempo è possibile scegliere tra tantissime estensioni diverse adattandole alla propria attività e rendendo il dominio decisamente meno banale. 

Tra queste troviamo, ad esempio, .photography, .shop .bike, .restaurant, .design o .kitchen. E anche se in Italia non si conoscono ancora molto, nel resto del mondo vanno già a ruba.

Sono conosciuti come estensioni e domini a tema, proprio perché richiamano un’attività, un prodotto o un servizio. Aiutano molto anche sul piano della strategia di marketing e sono sempre più i provider che li mettono a disposizione dei propri utenti. 

Ci stai già facendo un pensierino, vero?

Ma come scegliere le estensioni in base alle proprie esigenze? Ecco qualche dritta. 

 

Uno spazio sul web, l’hosting giusto

Cos’è questo “hosting” e che vuol dire avere uno spazio sul web?

“Hosting” viene dall’inglese to host che significa “ospitare”. L’hosting non è altro che un servizio di rete che consente di ottenere uno spazio all’interno di un server web, messo a disposizione da un provider, ovvero un’azienda che offre servizi specifici e che ospita i siti all’interno del proprio server.

Tutte le pagine del tuo sito web verranno, quindi, ospitate e inserite in questo server e saranno fruibili in rete e da ogni parte del mondo.

Lo so, fremi dalla voglia di fare questo passo, ma prima di acquistare l’hosting assicurati di avere tra le mani il dominio giusto.

Dominio e hosting possono essere acquistati separatamente, ma ti consiglio di acquistarli insieme, come pacchetto. Sarà tutto molto più semplice.

Quale provider scegliere per acquistare hosting e dominio

Ci sono tanti provider che offrono servizi di hosting più o meno efficienti. In tanti si affidano a provider che possiedono i propri server in altri continenti. Questa non si rivela mai una scelta azzeccata perché il sito, creato in Italia, sarà sicuramente soggetto a rallentamenti e tempi di risposta più lunghi.

Per questo motivo, è consigliabile affidarsi a provider che possiedono server o data-center in Italia.

Uno di questi è SiteGround, un provider che è sì americano ma che possiede ben cinque data-center dislocati in varie parti del mondo, tra cui Chicago, Londra, Amsterdam, Singapore e Milano. SiteGround è sicuramente uno dei più affidabili in termini di velocità di risposta del server e di efficienza. Inoltre, offre pacchetti adatti a tutte le tasche e l’assistenza viene fornita anche in lingua italiana.

Un altro provider è quello che utilizzo da diversi anni e per sei domini differenti: Netsons. Netsons è italiano e offre una serie di pacchetti hosting un po’ più economici rispetto all’americano SiteGround, partendo da quello base che offre già tanti servizi inclusi e di cui è possibile effettuare l’upgrade anche in seguito. Con questo provider è possibile pagare l’hosting a rate mensili o annualmente e l’assistenza è sempre veloce ed efficiente.




Acquistare l’hosting+dominio

Per acquistare l’hosting ti guiderò all’interno del sito di Netsons, perché è il provider che conosco meglio e con il quale mi sono trovata bene – non perché mi hanno pagata, giuro! Nel caso in cui sceglierai il provider di SiteGround o un altro, il procedimento non sarà poi così diverso.

Per acquistare hosting e dominio non dovrai far altro che accedere al sito di Netsons e cliccare su “Hosting”. Ti ritroverai di fronte a diversi tipi di hosting, da quello base al multidominio. Ti consiglio vivamente di partire da quello base o da quello professionale, che offrono già diversi servizi inclusi e il dominio gratuito per un anno. Su Netsons, poi, è semplicissimo effettuare l’upgrade a un altro servizio hosting e senza costi aggiuntivi.

Una volta cliccato sul pulsante “Acquista” ti verranno richiesti il nome del dominio e l’estensione da registrare e associare all’hosting. Se non hai già acquistato un dominio con un altro provider o a parte su Netsons, dovrai semplicemente digitare il nome scelto e cliccare su “Registra”. Sei sicuro sicuro del dominio che hai scelto? Bene, clicca su “Conferma”.

Verrai subito indirizzato al carrello, dove vedrai sia l’hosting che il tuo dominio. A destra vedrai il prezzo annuale e potrai scegliere se pagarlo a rate mensili o tutto in una volta. Inoltre, noterai che al carrello si sono aggiunti anche 10 database da 1GB: puoi scegliere di non inserire alcun database al carrello (uno è già incluso).

I database servono ad archiviare e catalogare meglio i dati all’interno del web hosting, dalla gestione degli utenti ai contenuti stessi. Solitamente si associa un database a ogni CMS (es. WordPress) che viene installato e utilizzato all’interno di un sito web, anche con diversi sottodomini.

Inizialmente, quindi, potresti anche farne a meno e deselezionarlo: sarà comunque possibile aggiungerlo successivamente se ne avrai bisogno.

Procedi con l’acquisto: una volta terminata la procedura ti arriverà un bel malloppo di email. Niente paura. Alcune saranno di conferma e altre conterranno dati e fattura.

L’email che ti interessa davvero è quella che ha come oggetto “Attivazione Hosting”. All’interno di questa email, infatti, troverai tutti i dati di accesso per cPanel, il pannello intuitivo per gestire i servizi di hosting che amerai alla follia, per un software FTP come FileZilla (per accedere ai file del tuo sito web) e quelli per configurare la tua email personalizzata. Conserva gelosamente questa email e salva tutti i dati in un documento.

CPanel: come installare WordPress e vedere il tuo sito web online

Sì, l’ho già detto, lo amerai alla follia. CPanel è un pannello davvero intuitivo e pratico che ti permette di installare applicazioni, accedere ai file del tuo sito web, configurare i client di posta, i database e fare tanto, tanto altro ancora in pochi click. Viene offerto da Netsons, ma anche da SiteGround e da altri provider.

Oggi vedremo come installare WordPress “in 1 click” attraverso il pannello di cPanel.

Nel paragrafo precedente ti ho accennato dell’email che ha come oggetto “Attivazione Hosting”. Aprila: troverai tutte le credenziali di accesso, comprese quelle di cPanel. Scorri fino ai dati di accesso di cPanel e clicca sul link dell’Indirizzo pannello. Immetti i dati per accedere (Nome utente e password temporanea) ed entra.

Ti ritroverai all’interno di un pannello con tante funzioni. La prima mossa da fare, come suggerito dal provider nell’email, è modificare la password temporanea che ti è stata fornita e crearne una nuova. Ricorda di scriverla in un documento a parte con tutti i dati di accesso.

Torniamo al pannello. Pian piano imparerai a conoscerlo, ma oggi vedremo esclusivamente come installare WordPress e visualizzare il tuo sito finalmente online.

Scorrendo giù, dopo la sezione “Database”, vedrai la sezione chiamata “Il tuo sito con 1 click!”. Come puoi vedere, in questa sezione puoi installare facilmente tutti i CMS che vuoi, da Magento per gli e-commerce a WordPress per i blog e i siti vetrina.

Per installare WordPress clicca sull’icona di WordPress (blog). Clicca poi su “Installa questa applicazione” e attendi impazientemente il caricamento. Una volta completata l’installazione potrai scegliere e selezionare il tipo di url da visualizzare, con o senza “www” per esempio.

Ecco un consiglio: scegli il protocollo “https” e non “http” per confermare a Google che il tuo sito è sicuro e partire col piede giusto. Quindi sì: “https://miosito.it”, “https://www.miosito.it”; no: “http://miosito.it”, “http://www.miosito.it”.

Scegli le credenziali di accesso a WordPress (Username e password) e lascia invariate le altre opzioni. Clicca su “Salva tutti” e accedi al pannello di WordPress.

Per accedere al tuo sito ogni volta che vorrai e accedere direttamente al tuo pannello di WordPress ti basterà aggiungere “wp-admin” alla fine dell’url del tuo sito (es. “https://www.miosito.it/wp-admin).

Effettua l’accesso. Bene, sei nel backend del tuo sito web!

Nel prossimo step scopriremo WordPress, vedremo come funziona e come ci si muove all’interno della bacheca di uno dei CMS più utilizzati – e più amati – al mondo. Vedremo anche come scegliere il template, se optare per uno gratuito oppure acquistarne uno all’interno di un marketplace. E anche come installarlo e come personalizzarlo.

Ottimo lavoro. Al prossimo step!




VAI ALLO STEP PRECEDENTE

VAI ALLO STEP SUCCESSIVO