Redarre o redigere?
Caffè Corretto

Redarre o redigere?

Eccoci qui, un’altra volta con un dubbio esistenziale di cui si preferisce non fare parola con nessuno.

Tranquilli, i dubbi sulla grammatica italiana li hanno anche i più grandi autori e scrittori.

Oggi parliamo del dilemma redarre/redigere, che molto spesso tende a confondere gli scrittori e farli, letteralmente, scappare a sfogliare vecchi dizionari alla ricerca della soluzione. Ma non vi tengo sulle spine.

La forma corretta non è certo redarre, ma redigere!

Perché si dice redigere e non redarre?

È più che normale che il dubbio ci sia e vi spiego anche perché. Perché si fa riferimento a verbi come “trarre”, “attrarre” e “distrarre” il cui participio passato è “tratto” e “attratto” e “distratto”. Il participio passato di “redigere” infatti è “redatto” e da qui nasce l’inghippo!

Ma, se osservate la coniugazione della prima persona singolare del verbo presente di questi verbi, vi accorgerete subito della differenza: “io traggo”, “io attraggo”, “io distraggo”, e “io redigo”, non certo “redaggo”. La forma “redarre” quindi è totalmente errata.  

Classe 1989. A volte scambio un pennello per una penna e inizio a dipingere parole. Blogger e Redattrice web.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: